Pane di Altamura: tradizione, storia e gusto!

pane-di-altamura

Pane di Altamura: il pane secolare, scopriamone la storia e la produzione!

Il pane di Altamura rappresenta il pane italiano per eccellenza. Secolare ed apprezzato in tutto il mondo, il primo ad aver ottenuto il certificato DOP nel 2003.

La sua forma è quella di una pagnotta, una delizia per il palato perché sotto la sua crosta croccante, nasconde una mollica soffice e inebriante. È talmente tanto buono che mangiarlo senza nessun accostamento, soddisfa ugualmente!

La storia del pane di Altamura

Da sempre il pane costituisce l’alimento base dell’alimentazione popolare, perché è facilmente reperibile, durevole nel tempo e adatto al trasporto; queste tre caratteristiche ne hanno permesso il consumo sin dall’antichità.

pane-di-Altamura

Erano principalmente le massaie (le donne), che si occupavano di impastare il pane in casa, il quale poi veniva trasportato nei forni pubblici per essere cotto. Due di questi forni pubblici sono ancora attivi oggi: il forno di Santa Chiara e il forno di Santa Caterina, appartenenti al Settecento.

Come avviene la produzione del pane?

Il pane di Altamura, che nel 2003 ha ricevuto il marchio DOP, conserva la sua ricetta sin dal Medioevo:

  • semola macinata di grano duro,
  • acqua
  • lievito naturale (lievito madre
  • sale.

Pochi ingredienti, scelti con cura – ad esempio la semola di alcune varietà di grani, tutti coltivati ad Altamura -, garantiscono la bontà di questo pane. Ci sono poi 5 fasi di lavorazione da rispettare:

impastamento, formatura, lievitazione, modellatura e cottura nel forno a legna.

pane-di-Altamura

L’impastamento dura circa 20 minuti, la lievitazione più di 90 minuti, poi si passa a modellatura e cottura. Le due forme del pane di Altamura sono: “u sckuanete” che vuol dire che è ottenuta ripiegando su di un lato la pagnotta prima che venga informata e poi quella più bassa è detta “cappidde de prevete” ossia a cappello di prete, entrambi i nomi sono derivanti dal dialetto del posto.

Nasconde aromi molto particolari come quello di nocciole tostate o di caffè o vaniglia.

Una merenda tutta pugliese

Essendo il pane per eccellenza, il pane di Altamura va mangiato da solo per assaporarne il vero sapore, ma due sono le ricette antiche e tramandate:

  • il famoso pane, olio e sale,
  • la bruschetta: il pane abbrustolito condito con sale, olio, pomodorini, origano e aglio
  • Pane e ricotta, quella vaccina prodotta nella zona delle Murge in Puglia, un’eccellenza del nostro territorio.

pane-di-Altamura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *